Spiritualità e psicoterapia

Spiritualità e Psicoterapia
Spiritualità e Psicoterapia

Secondo Jung  spiritualità e psicoterapia sono due aspetti dello stesso cammino di individuazione. Coltivare la spiritualità   non regredire ma evolvere verso il sé realizzato. 

Convegno sulla spiritualità e psicoterapia.

La scorsa settimana a Wels, una cittadina austriaca nel pressi di Linz, si è svolto un congresso dell’associazione austriaca di Analisi Trans-personale. Il Convegno ha raccolto più di duecento psicoterapeuti impegnati professionalmente in questa prospettiva, che cerca di applicare alla psicoterapia classica la dimensione spirituale con una notevole influenza da parte di tradizioni spirituali asiatiche, particolarmente buddhismo ed induismo.

Questa assemblea cercava di concentrarsi, in particolare, su patologie sempre più ricorrenti, provocate da traumi bellici, tortura, scontri violenti e criminalità di diverso tipo. Da più di un anno ero stato invitato a presentare un intervento su “Spiritualità della fratellanza universale”. La psicoterapeuta che mi aveva contattato aveva insistito, nel corso dei vari scambi preliminari, che l’intervento parlasse in modo chiaro di spiritualità.

La cosa mi ha sorpreso, sia per aver studiato nei miei anni di università un interessantissimo corso di psicoanalisi, sia per la coscienza di sapere che, come di fatto ha sottolineato uno degli intervenuti, la religione in psicologia e psicoterapia è sempre stata o esclusa o resa patologica.

In effetti mi sono reso conto di quanto interesse ci sia e quanto desiderio per una vera dimensione spirituale. D’altra parte lo stesso Jung aveva affermato: «Sono stato contattato da clienti provenienti da tutte le parti del mondo e, senza eccezione, non ne ho trovato uno che non avesse un problema fondato sul suo atteggiamento personale nei confronti della religione, del rapporto con il trascendente e con la dimensione del trascendente. Tutti si ammalano per aver perso questo collegamento che in passato era assicurato dalla vita delle diverse religioni».

Per quanto interessante l’analisi di Jung non avrebbe la validità che merita se non si considera la conclusione alla quale arriva: «Nessuno può essere guarito se non riesce a raggiungere un atteggiamento religioso».

Si può senza dubbio discutere sul significato che ognuno attribuisce al termine spiritualità, ma il fatto indubitabile è che anche gli ambiti della psicologia si stan sempre più rendendo conto dell’importanza di quella dimensione, forse troppo presto messa da parte in nome dell’uomo moderno.

Roberto Catalano

da:  http://www.cittanuova.it/

 

  • Print
  • Facebook
  • Twitter
  • email

10 commenti

  1. Buongiorno a lei Dottore
    finalmente qualcuno parla di psiche e spiritualità. Sono cristiana,ho 52 anni, non ho figli e in questo momento nessun legame sentimentale. La mia psicoanalisi freudiana (1992) si è basata proprio su questo. All’esito dell’analisi ho perso la fede. Nel 98 mi è stata di nuovo data ( farà sorridere, ma è opera di padre Pio). Oggi è un nuovo momento di prova ma mi rifiuto di credere di essere stata abbandonata, non ci crederò mai. La prego continui a coniugare psicologia e spiritualità e a farci conscere altro su questo punto. Durante la mia psicoanalisi mi resi conto che le

    risposte di Freud non coprivano tutto, e che piuttosto si trattava ( psicologia e fede ) di due binari paralleli destinati a non incrociarsi ( ma l’uomo è fato non solo di carne e di psiche ma anche di spirito).
    Sono una depressa da anni ( uso lo zoloft dal 2000) che non riesce ad uscirne e ritengo che sia a causa delle circostanze di vita dure, complicate e contrarie che non cessano ( qui sarebbe lungo).
    Penso al suicidio ma lo rifiuto e cerco di resitere perchè lo penso contario ad un disegno più grande . Penso che la vera cura alla depressione è l’amore che trova la sua forza ( gli umani da soli non ce la fanno ) e ragione nel trascendente e da li torna all’uomo. Ma ci vogliono anche le condizioni di vita ( dignitosa e con un minimo di sicurezza ) che oggi mancano a moltissime persone. La mancanza di amore trova la sua base

    nella diffidenza verso gli altri e nell’incapacità di potersi fidare ( soprattutto fra uomini e donne ). Nessuno riesce più a essere speranza per l’altro.
    Trovo che questa diffidenza è del tutto giustificata perchè l’umanità è decaduta avendo perso il contatto con il trascendente. In questo modo essa, nella vita di ogni giorno, è destinata all’egoismo ( l’istinto di sopravvivenza prevale) che genera l’isolamento proprio e quello degli altri. Sono arrivata a credere che per ritrovarsi occorre mollare tutto il superfluo ma forse è troppo semplicistico. Mi piacciono le sue risposte e vorrei una sua breve opinione. Grazie . Silvia

  2. Articolo illuminante, chiarissimo nell’esposizione. Grazie.
    Elisabetta Macchi
    P.S.: uno dei miei libri preferiti è “La cura Schopenhauer” dello psichiatra Irvin Yalom.

  3. Ma secondo voi visto che è stato nominato nell’articolo sopra riportato,le stigmate come quelle di Padre Pio possono essere fenomeni psico somatici?mi interesserebbe saperne di più…grazie Andrea

  4. Sto leggendo “Molte vite, un solo amore” del Dott. Brian Weiss… a mio parere illuminante sulla psicoterapia spirituale… non lasciamo porte chiuse alla conoscenza.
    Buon lavoro,
    Eleonora

  5. Su google, digitando psicoanalisi spirituale od identikit psicologico, il blog “iltriangolodellebermude.blogspot.com” è al primo posto nella prima pagina.
    La psicoanalisi spirituale, a completamento di quella di Freud e di Yung, essenzialmente dovrebbe girare attorno ad un principio fondamentale: non dovete avere niente a che fare con alcuna pratica legata allo spiritismo, incluse tutte quelle che implicano il passsaggio di energie, ma, se vi sisiete già fatti coinvolgere, e pure, avete cominciato a sentire le voci interiori, avendo una percezione della realtà differenziata, ecc, ecc, allora, “dovete lavarvi bene le mani con il sapone” da ogni pratica ed oggetto che abbia a che fare con lo spiritismo; ossia, dovete sbarazzarvi da ogni cosa e ogni pratica che abbia a che fare con gli spiriti ribelli. In sostanza, se come è accaduto a tante persone, se tu usufruisci delle energie esoteriche, per rilassarti, per curuiosità, ed in casi rari, pure per guarire da un prolasso alla mitrale, dai il pretesto ecellente ai demoni di poterti disturbare a livello mentale, ma, non solo. Si, puoi ricevere sia un beneficio che una pena a lungo termine. Volendo, si può anche dimostrare in un aula di tribunale che Satana ed i demoni esistono e quale sia la loro psicologia e modo di agire. Tutti gli odierni miracoli, o sono delle truffe fabbricate dall’uomo oppure si tratta di opere potenti e di miracoli da parte di Satana ed i demoni, in quanto, gli angeli che servono Dio non possono compiere alcuna guarigione nella nostra epoca, e, fin tanto che, tutto l’attulae sistema di cose malvagio non venga distrutto.

  6. COntinuare con questi articoli pretestuosi per insistere in una difesa oggi un pò debole a mio parere è fuori luogo.

  7. Gent.mo Signor X,
    perché presuntuosi e da cosa si difendono? Mi sembra una contestazione legittima ma deboluccia, o no? Provi a contestualizzarla un po’ di più e poi, magari, si firmi. Vedrà che le farà bene, si sentirà meglio.

  8. Ciao sono un ragazzo di 29 anni sono uscito da poco da un percorso di tossicodipendenza durato 18 mesi, pensavo che la mia infelicita dipendesse esclusivamente dalle sostanze, mi sto accorgendo che nn è così, penso che sia il frutto delle scelte che ho fatto nella vita , fatte senza ascoltarmi profondamente, ma sulla razionalità di cosa e giusto o sbagliato secondo gli altri, spero con il percorso di psicoanalisi che inizierò a breve di riprendere in mano me stesso. Grazie

  9. Gent.mo Miro, lei si appresta a fare un percorso che le darà molte possibilità. La più auspicabile e gliela auguro è di “vedere” la sua strada, essere se stesso.
    Auguri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *