Il Libro Rosso di C. G. Jung

Il libro rosso
Il libro rosso

Il Libro rosso, evento dell’anno. Il manoscritto rimasto segreto per ottant’anni

Il Libro rosso è il libro segreto di Jung, scrigno privato di un’anima che lì si cela nella sua nudità, e che un comprensibile pudore ha inteso proteggere da sguardi curiosi, e si situa al centro di una straordinaria sperimentazione artistica e psicologica che ne fa un unicum nel panorama novecentesco.

A ottant’anni dalla sua conclusione e a mezzo secolo dalla morte del suo autore, questo testo straordinario esce dal caveau della banca svizzera in cui era conservato.

Carl Gustav Jung lavorò al Libro rosso dal 1913 al 1930 e ancora in tardissima età lo definì l’opera sua capitale. L’opera in cui aveva deposto il nucleo vitale e di pensiero della sua futura attività scientifica. Eppure non volle mai autorizzarne la pubblicazione,

e dopo di lui anche gli eredi si attennero alla consegna. Così solo oggi, a ottant’anni dalla sua conclusione e a mezzo secolo dalla morte del suo autore, questo

testo straordinario esce dal caveau della banca svizzera in cui era conservato.

Quella che Jung chiamerà più tardi «immaginazione attiva» e che fu ampiamente utilizzata in questo volume, è appunto lo strumento inedito di cui egli si servì, nel corso della sua discesa agli inferi, per suscitare i contenuti archetipici della psiche e oggettivarli attraverso il dialogo interiore, la scrittura, la pittura, la scultura.

Il Libro rosso è a tutti gli effetti un libro d’arte di superiore qualità, e volutamente prezioso: perché messo al servizio

di un progetto esistenziale il cui scopo è il compimento del proprio mito personale, la rappresentazione simbolica

di un significato esistenziale che è e deve rimanere segreto, l’automanifestazione della Vita dentro una vita.

«È importante – scrive Jung – avere un segreto, una premonizione di cose sconosciute. L’uomo deve sentire che vive in un mondo che, per certi aspetti, è misterioso; che in esso avvengono e si sperimentano cose che restano inesplicabili. Solo allora la vita è completa.»

da: http://www.psicologi-psicoterapeuti.info    

Commento del Dott.  Zambello

  • Mi auguro che tra i mille regali, a volte poco utili, che riceveremo e faremo nelle mille occasione che si presenteranno nell’anno  anno che viene,  qualcuno pensi a  questo straordinario libro. Credo sarebbe  l’occasione per soffermarsi a vivere questa straordinaria arte che é la Psicologia  Analitica,  scoprendola proprio nelle meditazioni quotidiane  dell’autore.
  • Print
  • Facebook
  • Twitter
  • email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *